Amministratore negligente, cosa fare

Salve le volevo chiedere 2 cose: io proprietario di un appartamento di una palazzina di 10 abitazioni ho chiesto informazioni all’amministratore per spese straordinarie senza consultare nessuno e non mi vuole dare nessuna informazione, allora ho chiesto una assemblea con altri 2 proprietari ma non mi fa sapere nulla e non mi risponde al telefono, cosa posso fare?

Inoltre,   abito in un condominio degli anni 70 senza i millesimali, ci sarebbe da rifare l’impianto elettrico dei citofoni e rimetterli nuovi. Visto che ci sino 3 appartamenti di 130 mq. e 3 appartamenti di 80 mq. le spese devono essere suddivise in base al numero degli appartamenti o in base alle metrature degli appartamento. salve e grazie

Caro lettore buon giorno.

Dipende dalla natura dei lavori straordinari fatti eseguire dall’amministratore, tanto perché se si trattava di lavori ritenuti URGENTI ed IMPROCRASTINABILI, aveva l’obbligo giuridico di provvedere SALVO riferire ai condomini nella prossima assemblea e farsi ratificare la spesa.

Tuttavia, non rispondendo al telefono  l’amministratore si rende irreperibile e certamente non è una lancia in suo favore, anzi………

Le richieste vanno accolte e vanno forniti tutti i chiarimenti del caso.

La mancanza delle tabelle millesimali costituisce un danno per taluni condomini e un vantaggio per altri, per cui ho sempre ritenuto INDISPENSABILI la loro presenza in tutti i condominii anche in quelli cosiddetti MINIMI, composti da soli due condomini.

Le dice di aver chiesto la convocazione straordinaria dell’assemblea unitamente ad altri 2 condomini, l’ha fatto a norma dell’articolo 66 delle DD.AA. del codice civile?

Diversamente non ha valore alcuno.

I lavori riguardanti l’impianto citofonico, non quello esistente negli appartamenti citofono compreso, sono, per prassi consolidata da tempi remoti, lavori, la cui spesa si ripartisce in PARTI UGUALI e non per tabella millesimale.

Così pure per l’impianto TV centralizzato.

Cordiali saluti

Geom. Oreste TERRACCIANO

Leggi per approfondire il problema su facebook

Precedente Pozzo Successivo Edilizia, settore in crisi anche nel 2015

4 commenti su “Amministratore negligente, cosa fare

  1. antonio il said:

    I millesimi di proprietà sono stati fatti in funzione dati variabili quali altezza del piano, finestratura, superfici,esposizione,ecc e non sulla quota pagata all’amministratore

    • oreste terracciano il said:

      PER ANTONIO
      Per bene intenderci, egregio Antonio, il geometra che ha elaborato le tabelle millesimali non poteva e non doveva ipotizzare la presenza o meno dell’amministratore, pertanto nei valori millesimali di proprietà attribuiti rientrano le spese generali come pure l’amministrazione del condominio.
      Cordiali saluti
      Geom. Terracciano

  2. Milena il said:

    Buon pomeriggio volevo porle un quesito.
    L’amministrazione del mio condominio chiude il bilancio ogni anno al 30/04..
    È possibile che se un condomino paga entro il 26/4 in questo caso è successo a me, l’amministratore lo fa figurare come rata della nuova gestione facendomi portare dietro il debito della rata?
    La scusa è stata che si sono accorti che il bonifico era andsto sul loro conto corrente e che hanno dovuto fare loro un bonifico sul conto del condominio e che visto ci vogljono tre gg per l incasso ora mi porto il debito…ora mi chiedo
    come mai tutti i versamenti che ho fatto sullo stesso conto corrente sono andati a buon fine?
    Come posso far valere il mio diritto e nn avere il debito?
    La ringrazio per l’attenzione

    • condominioaiuto il said:

      PER Milena
      Buon pomeriggio a lei gentilissima Milena.
      Una volta che il bilancio è chiuso lo stesso deve essere regolarmente approvato dall’assemblea e fino a quando la delibera di approvazione è inesistente, ogni condomino deve continuare a pagare le quote risultanti dal bilancio preventivo precedente, su questo non ci piove.
      Leggo, inoltre, che c’è stata una procedura di accredito quota errata in quanto, a dire dell’amministratore, lei ha versato, a mezzo bonifico, sul suo conto corrente, cosa che a me appare molto STRANA visto che esiste il conto corrente condominiale e lei non dovrebbe assolutamente conoscere quello intestato all’amministratore.
      Le consiglio di andare a fondo della questione perché qualcosa NON quadra, lei ha il diritto di VERIFICA CONTABILE, quindi contatti l’amministratore e fissi un appuntamento presso il suo studio per VERIFICA CONTABILE.
      L’amministratore potrà tergiversare, rinviare l’incontro ma, PER LEGGE, le deve riconoscere il suo diritto e mettersi a disposizione.
      Deve chiarire l’equivoco dei due conti correnti.
      Cordialmente
      Geom. Oreste Terracciano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.