Sono amministratore di un condominio senza regolamento nè tabelle millesimali

Buona sera, ho appena ricevuto l’incarico di nomina di amministratore di un condominio di n°4 unità immobiliari, a seguito di assemblea secondo art.66 disp. att. Codice Civile.
Il mio quesito è questo: non hanno un regolamento di condominio, niente tabelle millesimali, quindi per le quote condominiali e per i lavori straordinari che urgono effettuare, come devo comportarmi? Devo suddividere le spese in parti uguali o provvedere a far approvare un regolamento condominiale con il allegato le tabelle millesimali?
Ritengo necessario il regolamento condominiale in quanto il condominio è composto da 2 unità a livello, e 2 unità a cui si accede al piano inferiore tramite scala esterna (il condominio è tipo villetta), e uno dei due immobili abitati giù è un inquilino che ha posto una cancellata privata, escludendo dall’accesso comune gli altri condomini, anche l’accesso a quel condomino (non abita) con la porta affianco a lui. Oltretutto la parte comune chiusa dal cancello autonomo è occupata da cani da combattimento sguinzagliati che impediscono la lettura dei contatori enel e gas agli addetti autorizzati delle suddette società eroganti. Come posso regolarmi? I lavori di ristrutturazione straordinaria necessitano perchè un anno fa’, al precedente amministratore, è stato notificato un verbale dei vigili del fuoco a seguito del crollo di un solaio in corrispondenza, in alto, dell’ingresso al condominio.

Spero di essere stata chiara.
Attendo suoi chiarimenti appena le sarà possibile.
Grazie

Gentilissima Ragioniera Grimaldi, buonasera.
Ho la sensazione che il condominio, da lei appena assunto come amministrazione, sia una brutta gatta da pelare, per cui le conviene sondare il terreno, sulla reale volontà dei partecipanti al condominio, prima di attuare la sua gestione.
Come?

Convocando un’assemblea straordinaria nella quale chiarirà gli aspetti fondamentali per poter svolgere una corretta gestione amministrativa:
1 – Formulazione delle tabelle millesimali e del regolamento consequenziale, anche se non previsto quest’ultimo, ma è indispensabile formulare le tabelle millesimali, per le quali l’approvazione richiede la maggioranza dei partecipanti al condominio, ovvero quella di 3 condomini su quattro.
Senza tabelle non si potrà parlare di doppia maggioranza nelle delibere assembleari, nè di giusta ripartizione delle spese, perchè la ripartizione delle spese in parti uguali è la scelta più ingiusta che si possa fare in un condominio.
2 – Assunzione  di responsabilità da parte di tutti i partecipanti sulle condizioni di precarietà amministrativa/contabile e gestionale, per la quale c’è bisogna oltre che di una presa d’atto, anche di una volontà comune di cambiare radicalmente certe pessime abitudini ed eliminare gli abusi perpetrati.

Detto questo valuterà l’andamento dell’assemblea, il quale se dovesse essere propositivo e non di stallo, allora continuerà consapevole che la volontà di gestione corretta è comune, diversamente dirà che il condominio è ingestibile e lei dà le dimissioni.
Bisogna mostrarsi determinati e coerenti con il ruolo che si svolge.
Cordiali saluti
Geom. Oreste TERRACCIANO
www.consucondominialegratis.it
www.soldionline.it – vita di condominio

Precedente Lavori condominiali: posso oppormi alla decisione della maggioranza dell'assemblea? Successivo Gestione di un condominio: controllare le spese a consuntivo con quelle a preventivo

Un commento su “Sono amministratore di un condominio senza regolamento nè tabelle millesimali

  1. trifone gasparro il said:

    abito su una strada privata su cui si affacciano,ambo i lati, 8 proprietari di villini con ingresso autonomo . E’ stato costituito un condominio,gestito da un amministratore, senza tabelle millesimali e regolamento interno. Le spese, per le sole parti comuni: acqua, fognatura, illuminazione strada, vengono ripartite in parti uguali, nonostante le unità immobiliari ed il loro posizionamento sono di dimensioni e lunghezza varie tra di loro. E’ inesistente la pulizia della strada, pur in presenza di erbaccia, foglie cadenti da piante pendenti da alcune unità sulla stessa strada ed altra sporcizia proveniente dalla strada principale.
    E’ legittimo richiedere in assemblea la realizzazione delle tabelle millesimali, regolamento interno e pulizia peiodica della strada? Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.