Amministratore che si dimette senza la nomina del nuovo

Egr. Geometra,
mi rivolgo ancora a Lei, approfittando della sua gentilezza, per avere dei chiarimenti su problemi condominiali amministrativi.
Il nostro amministratore, al rinnovo si è dimesso.
Ci sono diversi condomini morosi sia in questa gestione che in quella precedente.
Lo stesso può dimettersi lasciando insoluti i problemi della gestione stessa?
La ringrazio fin d’ora e le porgo i miei più distinti saluti

Egregio lettore, buona sera.

Che l’amministratore abbia confermato le sue dimissioni, visto che all’ordine del giorno si discuteva l’argomento, è un fatto normale, ma è bene sapere che se non è stato nominato il nuovo amministratore, il dimissionario rimane in carica in PROROGATIO IMPERII e/o ad INTERIM, a meno che non trattavasi di dimissioni IRREVOCABILI per le quali non poteva assolutamente proseguire per problemi personali.

In tal caso il passaggio delle consegne, in mancanza di nomina del nuovo amministratore, da amministratore dimissionario a condominio, si poteva trasferire a due condomini presenti in assemblea.

Uno dei due condomini avrebbe, poi, riconvocato l’assemblea per la nomina del nuovo amministratore, previa ricerca dei preventivi di professionisti disposti ad assumere la gestione.

Tornando al primo capoverso, se le dimissioni non sono state irrevocabili, non poteva lasciare l’incarico l’attuale amministratore.

Per i morosi provvederà il nuovo amministratore.

Nel caso l’attuale amministratore abbia “”tirato i remi in barca””, uno di voi condomini deve riconvocare l’assemblea per la nomina dell’amministratore.

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Elenco anagrafico condomini: non esiste privacy all'interno del condominio Successivo Distacco da riscaldamento centralizzato per sostituzione caldaia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.