Affitto parziale

Mi è stato richiesto di affittare ad una conoscente ed una sua amica una stanza ammobiliata dell’appartamento in Roma da me abitato. Il periodo, in attesa di una stabilizzazione del loro lavoro e della loro ricerca di un appartamentino definitivo, potrebbe avere durata da due a sei mesi.
Sarebbe ovviamente compreso l’uso dei servizi e della cucina nonché il godimento dell’impianto di riscaldamento centralizzato, dei servizi condominiali, senza quote di consumo di energia elettrica, luce, gas, tutte comprese in un compenso di € 300,00 a persona/mese.
Quale forma di contratto redigere, quale  regime fiscale adottare, quali obblighi rispettare? Grazie della sua cortesia.

Gentile lettrice, buona sera.

L’unico contratto possibile è il contratto di locazione transitoria della durata temporale che va da mesi 1 a mesi 18 non rinnovabile.

I presupposti perché si possa stipulare ci sono tutti, quindi le consiglio di stipularne due, uno per ogni locataria, durata 6 mesi per cui alla scadenza non c’è alcuna possibilità di proroga, fermo restando il diritto delle locatarie, con preavviso di mesi 3, di recedere anzitempo dal contratto.

La disdetta deve pervenire al locatore a mezzo racc. a/r, oppure escogitare un formula preventiva firmata ma priva di data.

cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Atti vandalici in condominio Successivo Comportamento incivile di una famiglia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.