Affitti ancora in calo

In calo gli affitti delle case, del 2,4% sui monolocali e  dell’1,7% sui bilocali e sui trilocali. Nelle grandi città la diminuzione dei valori  è stata del 2,1% sui monolocali, dell’1,9% sui bilocali e dell’1,7% sui trilocali. Queste le ultime rilevazioni dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa, relative al secondo semestre del 2013, ricavate dall’analisi dei contratti di locazione stipulati dalle agenzie del Gruppo Tecnocasa.  E’ il risultato della combinazione dell’aumento dell’offerta sul mercato di immobili in affitto e della diminuzione della disponibilità di spesa dei potenziali inquilini.

Chi non compra affitta – A cercare casa in affitto sono in primo luogo giovani, monoreddito ed immigrati, che non hanno possibilità di accedere al mercato del credito, a cui si aggiungono gli studenti, i lavoratori fuori sede e coloro che volutamente scelgono l’affitto in attesa di vedere cosa accadrà sul fronte dei prezzi immobiliari.

Più economiche le case più vecchie – I canoni scendono soprattutto per le soluzioni in cattivo stato ed arredate con mobili vetusti.  Anche in questo semestre i proprietari si sono mostrati sempre più guardinghi e prudenti, e per affittare l’immobile desiderano maggiori garanzie sull’affidabilità dell’inquilino (busta paga, contratto a tempo indeterminato) e sulla continuità dei pagamenti dei canoni di locazione.

Giovani e single – Il 41,9% di coloro che cercano in affitto ha un’età compresa tra 18 e 34 anni, a seguire il 32,2% con un’età compresa tra 35 e 44 anni. Il 47,4% è single, il 38,6%  coniugato, l’11,5%  separato o divorziato. La percentuale dei single in affitto raggiunge il 70,9% a Bologna e il 64,1% a Milano.

Bilocali e trilocali i più affittati – La tipologia più affittata è il bilocale (38,3%), seguito dal trilocale (36,4%). Il bilocale supera la media nazionale a Milano (52,6%), Torino (51,7%), Roma (44,2%) e Napoli (40,8%).

Più praticato  il canone libero (4+4) – ma si registra un aumento della percentuale di chi ha fatto ricorso al contratto a canone concordato. Infatti,  il ribasso dei canoni di locazione in alcune città ha reso più conveniente il ricorso al canone concordato che si giova anche di agevolazioni fiscali. In due grandi città, Bologna e Verona, la percentuale dei contratti concordati stipulati raggiunge il 60%. I tempi medi di locazione nelle grandi città sono di 134 giorni, nei  capoluoghi di provincia 131 giorni.

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Amministratore distratto Successivo Rispetto Legge GALLI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.