A Napoli ribassi del 3%

A Napoli nella prima parte del 2013 i valori delle abitazioni hanno segnalato un ribasso del 3% rispetto al semestre precedente, secondo l’ultimo rapporto di Tecnocasa.

Ribassi al Centro – Si registrano quotazioni in discesa nel Centro storico ed in particolare in zona Duomo. In quest’area della città gli acquisti sono effettuati soprattutto da investitori, grazie alla presenza dell’Università Federico II e di molte facoltà universitarie, ed attualmente la disponibilità media di spesa è di 100 mila €. stabili le quotazioni immobiliari in zona Centro – Corso Meridionale nella prima parte dell’anno.

Nel quartiere Bagnoli ribassi del 5% –  Anche in questa zona della città la domanda proviene principalmente da investitori,  generalmente con capitale non superiore a 150 mila € da investire per l’acquisto di bilocali e trilocali.

Qui i valori erano cresciuti in previsione della realizzazione di numerosi progetti che interessano questa area della città, progetti che però tardano ad essere realizzati e le quotazioni ne risentono negativamente. Questi progetti prevedono la costruzione di alberghi, parchi verdi e la bonifica dell’area dell’Italsider, ma attualmente gli unici lavori attivi sono quelli in corso in zona Porta di Bagnoli dove sorgerà un nuovo teatro e delle nuove strutture sportive.

A Flegrea – Fuorigrotta i prezzi sono diminuiti del 6,2% – Diminuisce infatti la disponibilità di spesa degli acquirenti ed i proprietari in molti casi si adeguano ridimensionando le proprie richieste.

Questo semestre ha evidenziato comunque un mercato più vivace ed un aumento del numero di compravendite: infatti il ribasso dei prezzi degli ultimi anni sta incoraggiando le persone ad avvicinarsi con maggiore fiducia all’acquisto dell’abitazione.

Nella macroarea Collina il calo dei prezzi è stato del 4,2% – Sono in diminuzione le quotazioni immobiliari a Secondigliano. Uno dei maggiori ostacoli all’acquisto è la difficoltà di accesso al credito, posta dagli istituti bancari  che mantengono una certa rigidità sui parametri di erogazione. In questa area della città attualmente acquistano soprattutto famiglie in cerca della prima casa oppure della soluzione migliorativa, mentre in questi mesi si segnala un calo delle richieste da parte di investitori. La tipologia preferita da chi cerca la prima casa è il trilocale, mentre chi acquista per investimento sceglie di solito bilocali dal valore medio di 100 mila.

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Rinnovato il Fondo per giovani coppie Successivo Affitti in calo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.