Istat: prezzi delle case ancora in calo

Ancora in ribasso i prezzi delle case nel terzo trimestre 2014, Le stime preliminari dell’Istat indicano una riduzione  dell’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, dello 0,5% rispetto al trimestre precedente.  Mentre rispetto a un anno fa il calo registrato è del 3,9%.

Si rivalutano le  case nuove – Il calo congiunturale dei valori immobiliari  dipende esclusivamente dalla diminuzione dei prezzi delle abitazioni esistenti (-0,7%), mentre per quelle nuove si registra invece un aumento dei prezzi rispetto al trimestre precedente (+0,7%) e si tratta del primo incremento dopo due anni. ll differenziale in valore assoluto tra la variazione tendenziale dei prezzi delle abitazioni esistenti e quella dei prezzi delle abitazioni nuove si allarga dunque di nuovo, a 3,5 punti percentuali da 2,9 del trimestre precedente. In media, nei primi tre trimestri del 2014, i prezzi delle abitazioni diminuiscono del 4,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sintesi di un calo del 2,4% dei prezzi delle abitazioni nuove e del 5,5% dei prezzi di quelle esistenti.

Ripresa delle compravendite – Le transazioni immobiliari sono aumentate del 4,1% nel terzo trimestre del 2014 ( dati dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate per il settore residenziale).

“La modesta crescita dei prezzi di abitazioni nuove più che un segnale di ritrovato vigore deve essere ricondotto alla volatilità che caratterizza i mercati “sottili” in cui i prodotti sono tutt’altro che standardizzati. – aggiunge Luca Dondi, direttore generale di Nomisma. –  Dinamiche destinate a caratterizzare anche l’anno in corso, in cui dovrebbero consolidarsi i timidi segnali di miglioramento registrati sul finire del 2014, sempre che il Paese riesca finalmente ad uscire dalla spirale di recessione e deflazione da cui fatica a divincolarsi. E’, infatti, impensabile che il fragile mercato immobiliare odierno possa muoversi in controtendenza rispetto al resto dell’economia.”.

valore casa

 

Precedente Sistemazione bidoni raccolta differenziata Successivo Prezzi in flessione a Roma nel 2014

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.