Quale direzione possibile per l’Europa?

I mercati non solo in Europa si sa sono governati da un elemento centrale che è la VOLATILITA’ che ne guida la loro direzione.

E’ grazie ad essa che è possibile ottenere buone performance quindi guadagni oppure cattive performance quindi perdite di denaro.

Più sale questo elemento, maggiori sono le possibilità di andare in una o nell’altra direzione.
Ogni volta che accade un evento che fa salire l’incertezza sui mercati sale la volatilità e sale la percezione del rischio che costantemente viene tamponato da interventi esterni al mercato (e.g. l’intervento di iniezione di liquidità da parte delle varie Banche Centrali). Ad oggi sembrerebbe che la direzione sia quella di dare tranquillità ai mercati grazie all’iniezione di liquidità da parte della Banca Centrale Europea. Il gioco sembra troppo facile, oggi si investe, per almeno 16 mesi a partire da marzo dovremmo stare tutti tranquilli che il mercato seguirà un trend crescente. Personalmente penso che oggi il mercato sia già salito sulla base di aspettative più o meno concrete, la situazione geopolitica al contorno presenta molti punti interrogativi, basti pensare al petrolio, al rame, alla Grecia, all’Argentina, al Venezuela, al Brasile, alla Russia ed alla nube che ricopre il medio-oriente con la minaccia dell’ISIS. Mi chiedo, chissà se questa iniezione di liquidità non sia solo un modo per non far crollare ulteriormente i mercati o davvero servirà ad allontanare gli investitori dai mercati europei per rivolgersi ad altri mercati (quali quelli emergenti)?

Per ulteriori dettagli contattaci cliccando qui.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.