misteri del mercato

Misteri del mercato

Solo pochi mesi fa poche parole d’ordine hanno contraddistinto gli acquisti sul mercato degli investitori:

- poco mercato USA
- poco petrolio
- tanto mercato Europeo

Ed oggi qual è lo scenario offerto dal mercato?

presunto rallentamento economico che induce la FED a frenare il rialzo dei tassi, quindi tutti quelli che erano fuggiti dal mercato a stelle e strisce per trovare nuovi rendimenti sull’azionario europeo, hanno perso un’ulteriore chance di crescita del mercato USA.

La paura del petrolio che avrebbe dovuto toccare nuovi minimi ha portato a vendere e liquidare molte posizioni, il petrolio in realtà sta pian piano risalendo la china.

L’Europa che con il QE avrebbe dovuto premere sull’acceleratore per aprire la strada al rialzo dell’inflazione, vede vanificarsi tutti i piccoli sforzi finora compiuti per via della crisi greca che continua a minacciare il default. Quindi, tutti gli investitori che si erano riversati sul mercato azionario europeo nei primi mesi dell’anno hanno comprato sui massimi trovandosi in taluni casi in perdita, lo spread ha rialzato la testa (indi il rischio Paese, si veda in particolar modo Italia e Spagna) e lo stato di salute della più vecchia economia del mondo vede la presenza sui mercati di un attore che spaventa i piccoli investitori poco attenti all’evolvere degli eventi: la VOLATILITA’

Che cosa ci insegna tutto questo?

Ascoltare i rumors di mercato troppo da prima pagina potrebbe essere nocivo, meglio affidarsi ad analisi un pò più ragionate

In quale direzione muoversi?

Domanda da un milione di dollari!

Certo è che in fasi come questa è da un lato diversificare prendendo dei rischi, ad esempio scommettendo su qualche valuta elaborando un ragionamento, ad esempio nei confronti di economie meno forti degli USA rispetto all’Europa per approfittare dell’effetto QE che in ogni caso ci sarebbe, dall’altro avere posizioni più conservative che siano meno vulnerabili rispetto alla volatilità, quindi titoli più legati ad avere un economic moat, come ad esempio alcuni farmateutici sottovalutati.

Si consiglia la lettura di questo articolo.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi continuare a sostenere questo blog puoi fare una donazione simbolica di un centesimo con PayPal cliccando sul link che segue:

[wpecpp name=”Donate” price=”0.01″ align=”center”]