Campi di grano

Immobili nel Sud Italia: quanto valgono e perchè?

Oggi giorno si è sempre più alla ricerca di investimenti alternativi a quelli tradizionali per far fronte all’emergenza “tassi zero”, ma difficilmente si pensa ad investimenti in immobili o in terreni, soprattutto se si parla di Sud Italia…almeno per ora!

Perchè?

1. Il mercato immobiliare negli ultimi anni ha subito un profondo crollo, anche a causa dei mutui sub-prime ma non solo!

2. La globalizzazione ha portato ad una generale svalutazione degli asset immobiliari e mobiliari italiani ed in special modo di quelli del Sud Italia.

3. La crisi e la caduta del PIL italiano hanno fatto il resto.

4. Le difficoltà dello Stato italiano hanno portato a ridurre gli investimenti pubblici a pioggia che hanno caratterizzato il boom economico italiano

5. La concorrenza nel settore agricolo ha portato le piccole aziende agricole del Sud Italia a chiudere.

Ovviamente ci sono moltissime altre cause a questo vero,  e proprio tracollo dell’economia italiana e del Sud Italia.

Conseguenze?

Il fenomeno che aveva caratterizzato storicamente altri periodi di crisi ha interessato anche questo ultimo periodo: la migrazione.

Quindi, gli effetti di una riduzione della popolazione e di un’economia non più in grado di camminare da sola hanno portato gli investitori  a fuggire dal Sud Italia.

Ad oggi molte aree rurali e piccoli Comuni che rappresentavano l’asse portante dell’economia meridionale, in quanto nel Sud italia non vi era la presenza di grosse metropoli (ad eccezione di Napoli) sono praticamente nelle condizioni di completo abbandono ed un investitore attento con idee di sviluppo, potrebbe facilmente trovare occasioni di acquisto anche di grossi immobili o vaste estensioni di terreno.

Ma come si sa non è detto che quotazioni di mercato basse di conseguenza prima o poi cresceranno, potrebbero anche scendere ulteriormente se non si verifica qualche evento o qualche stimolo che possa segnare l’inversione di rotta, inversione oltretutto che deve essere sostenibile nel lungo periodo.

Che cosa potrebbe causare un cambiamento di rotta?

Molti sono i fattori necessari a provocare un’inversione:

1.in primis una forte presenza ed azione dello Stato nell’economia, con il potenziamento delle grosse imprese parastatali del Sud Italia (e.g. Finmeccanica, Eni, Enel etc… )che danno un forte contributo al popolamento del territorio.

2. ancora lo Stato potrebbe rendersi fautore della rinascita con una seria campagna di incentivi alle aziende, defiscalizzazione e riduzione delle tasse, un possibile esempio si può trovare cliccando qui.

3. forze di natura diversa quali la presa di coscienza da parte di chi emigra che in realtà seguendo le grandi direttrici internazionali la maggior parte degli emigranti non raggiunge i loro obiettivi di crescita e realizzazione professionale perchè ormai questa strada è eccessivamente inflazionata, pertanto potrebbe avere un senso concentrare le proprie energie sul territorio nel quale si è nati.

4. credibilità.

Investire nel Sud Italia, potrebbe essere la nuova risposta alla crisi!

Per ulteriori dettagli contattaci cliccando qui.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.