EMA http://www.ema.europa.eu/ema/

EMA ed EBA: via da Londra?

EMA ed EBA. Acronimi rispettivamente di European Medicine Agency ed European Banking Authority.

La loro sede ad oggi è Londra.

Londra ha rappresentato da sempre un’attrazione per la facilità di fare business. Nessuno in Europa è in grado di competere con lei.

L’obiettivo per l’EMA è quello di valutare i medicinali venduti in Europa.

Per l’EBA invece monitorare il mercato bancario europeo.

A causa della Brexit, dal 2019 le loro sedi dovrebbero essere trasferite ad Amsterdam (EMA) ed a Parigi (EBA).

 

Le agenzie ovviamente rappresentano un elemento di attrazione di business per l’indotto creato.

Di seguito un elenco delle principali agenzie europee:

– Agenzia europea di controllo della pesca (EFCA) in Spagna;
– Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) in Italia;
– Agenzia europea dell’ambiente (EEA) in Danimarca;
– Ufficio comunitario delle varietà vegetali (CPVO) in Francia;
– Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) in Finlandia;
– Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) in Svezia;
– Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) in Spagna;
– Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (EUROFOUND) in Irlanda;
– Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (CEDEFOP) in Grecia;
– Fondazione europea per la formazione (ETF) in Italia;
– Agenzia dell’Unione europea per le ferrovie (ERA) in Francia;
– Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) in Germania;
– Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) in Portogallo;
– Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) in Spagna;
– Comitato di risoluzione unico (SRB) in Belgio;
– Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia (ACER) in Slovenia;
– Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) in Lettonia;

– Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA) in Grecia;
– Agenzia del GNSS europeo (GSA) in Repubblica ceca;
– Ufficio europeo di polizia (EUROPOL) in Olanda;
– Accademia europea di polizia (CEPOL) in Ungheria;
– Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) in Portogallo;
– Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia (eu-LISA) in Estonia e Francia (per la gestione operativa);
– Agenzia europea della Guardia di frontiera e costiera (EBCGA) in Polonia;
– Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) a Malta;
– Unità di cooperazione giudiziaria dell’Unione europea (EUROJUST) in Olanda;
– Agenzia europea dei diritti fondamentali (FRA) in Austria;
– Istituto europeo per l’uguaglianza di genere (EIGE) in Lituania;
– Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea (CdT) in Lussemburgo;
– Agenzia europea per la difesa (EDA) in Belgio;
– Istituto dell’Unione europea per gli studi sulla sicurezza (EUISS) in Francia;
– Centro satellitare dell’Unione europea (EUSC) in Spagna;
– Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA) in Germania;
– Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) in Francia;
– Agenzia spaziale europea (ESA) in Francia;

– Agenzia esecutiva del Consiglio europeo della ricerca (CER) in Belgio;
– Agenzia esecutiva per la ricerca (REA) in Belgio;
– Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA) in Belgio;
– Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute e la sicurezza alimentare (CHAFEA) in Lussemburgo;
– Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) in Belgio;
– Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (INEA) in Belgio;
– Agenzia di approvvigionamento di EURATOM (ESA) in Lussemburgo;
– Impresa comune europea per il progetto ITER e lo sviluppo dell’energia da fusione (Fusion for Energy) in Spagna.

L’Italia aveva ottenuto in passato due agenzie ma dal valore pressoché nullo.

Le due agenzie EMA ed EBA rappresentano un’opportunità.

 

La vera Europa ancora deve nascere. Fin quando non prevarranno concetti di equa condivisione di rischi, opportunità, bilanci etc… sarà sempre un inseguire. La guida resta altrove.


Un approfondimento è disponibile al link che segue sulla testata Wall Street Italia.

 

 


 

Per ulteriori dettagli contattaci cliccando qui.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

 1,009 total views,  1 views today