petrolio

In arrivo la settimana dell’anno per il petrolio!

Il petrolio arriva all’appuntamento con l’estate dopo ben 5 settimane di ribassi.

La settimana appena trascorsa è stata la prima a mostrare timidi segnali di ripresa delle quotazioni del petrolio (sia brent che WTI).

Tecnicamente potrebbe trattarsi del cosiddetto “rimbalzo del gatto morto”.

Lo scenario globale ha evidenziato un prosieguo dei paventati tagli alla produzione da parte dell’OPEC (parzialmente rispettati). Ma il vero driver sono stati gli USA. Infatti gli USA hanno visto una crescita del livello delle scorte di petrolio. La motivazione è ben chiara ed è da ricercarsi nella ripresa delle estrazioni di shale oil, parzialmente interrotte dalla crisi di fine 2015.

E adesso?

Osservando i grafici delle quotazioni del petrolio si evince ad occhio nudo che negli ultimi 2-3 anni il livello al quale è prezzato oggi il petrolio (poco sopra i 40 dollari al barile), ha rappresentato uno spartiacque. Pertanto è lecito aspettarsi di capire se il crollo continuerà (siamo intorno al 25% oggi da inizio anno), oppure che trend seguirà (lateralità o addirittura rialzo).

Rispetto al dicembre 2015 l’OPEC ha mostrato tentativi di stabilizzazione. Si ricordi che l’atteggiamento iniziale dell’Arabia Saudita nel 2015 non era quello di chi vuol frenare la discesa. Infatti l’obiettivo era quello di abbassare i prezzi per mettere fuori mercato lo shale oil. Ma oggi gli USA potrebbero aver affinato le tecniche di estrazione, consentendo di sopportare prezzi più bassi della materia prima.

Questi aspetti è lecito ipotizzare che potrebbero portare a generare una stabilizzazione sugli attuali livelli dei prezzi. Si eviterebbe il crollo intorno ai 30 dollari.

Le tensioni in medioriente invece, se degenerassero, potrebbero addirittura dare spinte al rialzo.

Ed invece sul fronte dei mercati?

L’azionario con il crollo del petrolio del 2015 ha subito pesanti crolli agli inizi del 2016. Questo scenario si potrebbe riprodurre con elevata probabilità in caso di crollo oltre gli attuali livelli del prezzo del petrolio, dovrebbero essere già scontati dai corsi gli attuali prezzi.

L’inflazione aveva subito una ripresa nei mesi scorsi grazie all’incremento del prezzo del petrolio. Questo  scenario implicherebbe un cambio dei piani delle banche centrali. Si traduce in uno svantaggio per il mercato obbligazionario che subirà una riduzione dei tassi di rendimento (a tutto vantaggio degli Stati indebitati come l’Italia e la Spagna).

I mercati emergenti e le valute potrebbero subire una nuova battuta d’arresto, sconfessando i gestori che da un anno stanno puntando molto su di essi.

 

Un approfondimento è disponibile al link che segue sulle testate Yahoo finanza e Trend Online.

 

Per ulteriori dettagli contattaci cliccando qui.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.