confindustria

Appuntamento Confindustria Cernobbio

“La crisi è dietro di noi ma, dobbiamo stare attenti perché potremmo tornare in un attimo nel tunnel”

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria

Queste le parole del leader di Confindustria al workshop Ambrosetti a Cernobbio.

La parola d’ordine resta sempre una sola: crescita.

Le problematiche arcinote che vengono sempre a galla sono competitività e debito che in questi anni, sono state istradate su un percorso virtuoso, ma non ci si deve fermare.

 

Un approfondimento è disponibile al seguente link.

Proponiamo un ulteriore approfondimento con un altro articolo relativo al workshop di Confindustria:

Il sentiero stretto della crescita che vede confrontarsi Confindustria e Governo presenta ogni volta differenti punti di vista. Differenze che chiaramente sono elementi chiave per avviare un confronto e raggiungere risultati migliori di quelli che ognuno potrebbe centrare da solo.

Il rischio che si corre è sempre quello di vanificare il lavoro che viene fatto nel tempo.

Ad oggi il governo ha lavorato su una ripresa del PIL e contemporaneamente su un controllo del debito, con l’auspicio prima o poi di avviarne una sua riduzione.

Il monito da Confindustria è molto chiaro: il percorso timidamente avviato in questi anni ha portato i suoi frutti. Ovvero, una ripresina del PIL ed uno stop all’esplosione del debito, ma ora inizia la sfida più complessa: consolidare la ripresa e ridurre il debito.

E’ proprio sul debito la preoccupazione che evidenzia Confindustria, la fine del QE potrebbe causarne un’esplosione, è necessario intraprendere ulteriori azioni.

Il dato su occupazione giovanile su numeri da mercati emergenti preoccupa Confindustria, è qui che ci sono forti divergenze.

Il Governo punta sulla decontribuzione strutturale per i neoassunti, Confindustria punta su un’operazione shock per ottenere un risultato immediato.

Staremo a vedere, l’importante è che non si risolva in un pantano, viste le imminenti elezioni del 2018.Un approfondimento è disponibile al link che segue sulle testate

Yahoo Finanza e su Trendonline.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.