Banche Centrali

Ancora Banche Centrali ?

Ancora le Banche Centrali saranno le protagoniste della scena?

In questi ultimi anni, come ben sappiamo, la droga del denaro facile per i mercati da parte delle Banche Centrali, ha fatto lievitare i prezzi sia dei Titoli di Stato sia delle obbligazioni sia delle azioni.

Tutto questo non è normale in quanto tipicamente la salita dell’uno influenzava la discesa dell’altro, pertanto alla fine di questo trend il rischio quale sarebbe, un crollo di entrambi? Tradotto in italiano un crollo dei mercati?

Dicesi BOLLA finanziaria

Adesso questa alterazione dell’equilibrio dei mercati spinta al massimo ha creato un boom esplosivo per i mercati che, come un paziente malato dipende dalla sua medicina, così i mercati sono diventati dipendenti da questa droga monetaria che rischia di sopraffarli.

E’ chiaro che l’iniezione di questa liquidità è stata indispensabile ai mercati sia per dare la spinta all’economia, sia per non far esplodere i debiti europei che viaggiano su livelli (e.g. Italia) insostenibili.

Ma la spinta all’economia è arrivata?

In USA l’effetto del tapering (parzialmente applicato) si è fatto sentire con uno slancio dell’economia, ma il merito è stato dell’unione dell’azione della FED con quella del Governo.

In Giappone ancora si continuano ad applicare politiche espansive da parte della Banca Centrale che finora non hanno dato alcuno slancio all’economia se non marginale, benchè il Governo abbia recitato la sua parte.

Infine, in Europa che ha beneficiato di due ondate di politiche espansive, quella USA e quella della BCE, ancora non riesce a vedere risultati convincenti.

Quindi la domanda che aleggia è se questa droga finanziaria non possa essere controproducente a grandi dosi.

Non c’è una risposta univoca perchè in Europa i Governi sono stati piuttosto refrattari alle innovazioni legislative, pertanto l’informazione è falsata in quanto da sole le politiche espansive rischiano di diventare inefficaci.

Che succederebbe se avessero sbagliato i calcoli proprio le Banche Centrali?

Pertanto, da un lato si pensa ad una via d’uscita, ma dall’altra si pensa a forme alternative, ad esempio il Giappone sta introducendo un QE che non consenta lo sforamento dei tassi in aree negative, potrebbe essere la fine delle Banche Centrali?

Per ulteriori dettagli contattaci cliccando qui.

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

 1,228 total views,  1 views today