Rifacimento facciata: possono impormi il colore delle piastrelle e battiscopa?

Share:
Condividi

I balconi aggettanti sono quelli che sporgono rispetto alla facciata dello stabile, costituendo un prolungamento della corrispondente unita’ immobiliare. appartengono in via esclusiva al proprietario di questa, soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare  beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell’edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole (Cass. n. 14576/04).
Sono proprietario di un appartamento con un balcone di questo tipo in un condominio in fase di ristrutturazione. Nella ristrutturazione del balcone, fermo restando che la scelta del colore dei frontalini deve essere fatta dalla maggioranza dei condomini, in quanto beni comuni, mi viene imposto dai condomini anche il colore delle piastrelle e del battiscopa all’interno del mio balcone. Trovo che il tutto sia illegittimo. Chiedo, per cortesia, chiarimenti in merito. Ringrazio per l’attenzione posta.

Tutto, ritengo, debba essere concepito nel concetto di logica razionale e buon senso. Anche se non c’è alcun nesso logico tra pavimentazione del balcone aggettante e decoro architettonico dell’edificio, bisognerebbe chiedersi perchè, all’atto della costruzione, il costruttore provvede a pavimentare i balconi con mattonelle tutte uguali per forma e per colore.

Perchè in questo modo chi si affaccia dai piani superiori ha la visione gradevole di tutto il complesso, balconi compresi. Ho esordito parlando di buon senso, ebbene questo ci porta a considerare almeno l’aspetto colore, infatti se il colore di tutti i pavimenti dei balconi è marrone chiaro, ad esempio, non capirei la scelta unilaterale di un pavimento di colore giallo limone.

Se poi in fase di ristrutturazione si sta provvedendendo anche al rifacimento dei pavimenti di tutti i balconi aggettanti, la logica razionale imporrebbe che la scelta ricadesse su un tipo unico per tutti, per forma e per colore.
Ciò premesso, non c’è obbligo alcuno, per il singolo, di avere imposto, dal condominio,  il tipo di pavimento da applicare “”ex novo”” sul proprio balcone aggettante, sulla base del concetto che non c’è alterazione del decoro architettonico, ovvero non è visibile, per cui si consiglia, almeno, di usare il buon senso nella scelta del colore.
Cordiali saluti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>