Abitazione ereditata 730 – ICI

Share:
Condividi

NEL 2011 IL PADRE DI MIA MOGLIE E’ DECEDUTO. MIA SUOCERA HA PROVVEDUTO ALLA SUCCESSIONE. IL MIO QUESITO RIGUARDA L’ABITAZIONE IN CUI RISIEDE MIA SUOCERA.  TALE ABITAZIONE ERA IN COMPROPRIETA’ DI MIO SUOCERO E MIA SUOCERA. A SEGUITO DEL DECESSO DEL MARITO, MIA SUOCERA E’ DIVENUTA PROPRIETARIA DEL 50% DELL’ABITAZIONE (GIA’ DI SUA PROPRIETA’) E DI UN TERZO DELLA RESTANTE PARTE, POICHE’ HA DUE FIGLIE.

CONSIDERANDO CHE MIA SUOCERA CONTINUA AD ABITARE NELL’APPARTAMENTO DI CUI SOPRA, CHE A TUTTI GLI EFFETTI E’ LA SUA ABITAZIONE PRINCIPALE E CHE NEL TESTAMENTO NON SI MENZIONA UN EVENTUALE DIRITTO DI USUFRUTTO VI CHIEDO SE MIA MOGLIE DEVE RIPORTARE NEL 730, QUADRO FABBRICATI, LA PERCENTUALE DI SUA PROPRIETA’, PARI AD UN SESTO DEL VALORE DELL’ABITAZIONE.

MIA MOGLIE E’ TENUTA POI AL PAGAMENTO DELL’ICI IN PROPORZIONE DELLA SUA QUOTA DI POSSESSO, OPPURE TALE TASSA SPETTA PAGARLA COMPLETAMENTE ALLA MADRE?

OCCORRE FARE UNA DICHIARAZIONE ICI DA PARTE DELLA MADRE A MODIFICA DELLA SITUAZIONE PRECEDENTE?

In caso di eredità di un immobile, il soggetto passivo d’imposta sia ai fini IMU che IRPEF è unicamente il coniuge superstite. Quest’ultimo dovrebbe dichiarare il reddito fondiario nel modello 730 o UNICO PF, precisando che dal 2012 l’IMU sostituisce anche l’IRPEF dovuta sull’abitazione principale.

Per quanto la dichiarazione ICI, con la presentazione della dichiarazione di successione, non occorre presentarla in quanto i dati sull’immobile vengono acquisti grazie a quella di successione;  le consiglio comunque di verificare presso il comune.

Distinti saluti
Dott. Nicola Marsella

3 risposte a Abitazione ereditata 730 – ICI

  1. tommaso scrive:

    Salve,

    ho un quesito da proporre la cui soluzione mi sta facendo ammattire, vi
    spiego:

    mia moglie ed io siamo sposati dal 23.05.2009 in regime di “comunione di
    beni”; prima del matrimonio mia moglie ha acquistato una casa nel comune A nel
    quale ha eletto residenza (mantenendola tutt’oggi 12.04.2012) e per la quale
    godeva delle agevolazioni prima casa.

    anche io ho acquistato casa con mutuo prima del matrimonio nel comune B dove
    ho eletto residenza e dove dimora il nostro nucleo famigliare.

    godendo delle agevolazioni prima casa per l’immobile sito nel comune B, vi
    chiedo:

    1) andava pagata l’ICI per la casa del comune A dal 23.05.2009 ad oggi?;
    2) in che percentuale?
    3) sono salvi i requisiti di prima casa per l’immoble sito nel comune B?

    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

    Distinti saluti.

  2. Maria Pia scrive:

    Ho un quesito che mi fa impazzire:
    Mio marito è morto il 10 aprile del 2011.
    Successione datata 17 novembre 2011 per il passaggio di proprietà dell’abitazione in cui vivo attualmente.
    Nel modello 730 sul quadro B (redditi dei fabbricati) ho indicato
    la rendita catastale dell’abitazione come prima casa.
    Ma come gg di utilizzo cosa devo indicare?
    44 giorni (dal 17 novembre) o devo contare dal 10 aprile?
    E come % di possesso devo indicare 100, perchè è riferita ai gg di possesso?
    Grazie infinite se mi risolvete la questione.

  3. Alessandra scrive:

    Buongiorno, avrei la necessità di sapere quanto segue: a Giugno 2010 abbiamo fatto la successione dell’immobile dei miei genitori (è deceduta mia madre), pertanto ci ritroviamo con: papà 4/6, io 1/6 e mio fratello 1/6. Io sono sposata da luglio 2011(condivisione dei beni) e ho la residenza diversa rispetto a mio padre e mio fratello (che vivono insieme). Devo denunciare il mio 1/6 della casa nella dichiarazione dei redditi? E soprattutto…è obbligatoria? Io l’ho sempre fatta, tranne lo scorso anno. Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>